Header Ads

OGNI MESE MILIONI DI TENTATIVI DI PHISHING: COME DIFENDERS?

I consigli degli esperti di Barracuda per proteggersi dagli attacchi


Quando Barracuda è nata 15 anni fa come azienda specializzata nell’email security, il problema principale per le mailbox aziendali era lo spam: causava rallentamenti agli utenti, ma i messaggi in sé non erano pericolosi. 

Da allora, molte cose sono cambiate. Oggi, i criminali usano vari tipi di tattiche per lanciare attacchi tramite le email e spesso la linea di difesa più efficace è il “firewall umano”. In uno scenario in cui i vendor fanno a gara per proporre la soluzione di sicurezza “migliore del mondo”, l’unica cosa che realmente si frappone tra le aziende e un attacco ransomware è il fatto che un utente clicchi o no su un link. 

Gli esperti di Barracuda hanno analizzato i tipi di phishing che gli utenti ricevono ogni giorno e spiegato cosa si può fare per essere al sicuro da cybercriminali sempre più creativi.


La minaccia


Ogni giorno i cybercriminali elaborano nuove tattiche di phishing con l’intento di raggirare utenti innocenti. Nel solo mese di maggio, Barracuda ha bloccato più di 1,5 milioni di mail phishing e osservato oltre 10.000 attacchi unici (mail con lo stesso contenuto inviata a centinaia o migliaia di utenti). Fino a oggi, nel mese di giugno, sono stati bloccati 1,7 milioni di mail con oltre 2.000 attacchi unici. Di seguito, alcuni esempi. 


I dettagli



Money Scam - Tentativi di sottrarre denaro


In questo esempio i criminali tentano di allettare il destinatario con questioni economiche che potrebbero anche sembrare verosimili. Lo scopo qui è di sottrarre denaro al destinatario, ma esistono anche tentativi simili nei quali il criminale tenta di acquisire informazioni o di infettare il computer con malware.

Mail di questo genere sono abbastanza comuni e spesso, come in questo caso, promettono forti somme di denaro. Quando l’utente risponde, il criminale in genere richiede una certa somma di denaro promettendo a sua volta una somma assai più consistente. Inutile dire che la promessa non sarà mantenuta.


Information scam - Tentativi di sottrarre informazioni


Questo secondo esempio mostra un attacco in cui il criminale cerca di raccogliere informazioni dall’utente. I criminali tentano sempre di ottenere informazioni dagli utenti e, in questo caso, l’esca è un finto messaggio della banca che invita l’utente a fare una qualche operazione sul suo conto. I criminali qui hanno fatto un discreto lavoro, in quanto il messaggio potrebbe sembrare come inviato davvero dalla banca. Se l’utente clicca sul link sarà invitato a inserire le proprie credenziali in una nuova finestra, consegnando al criminale il suo nome utente e password. 


Distribuzione di malware


Un’altra comune conseguenza del phishing è la distribuzione di malware. L’obiettivo di questi messaggi è di convincere l’utente ad aprire un allegato - come in questo caso - o a cliccare su un URL. Qui i criminali cercano di convincere l’utente ad aprire un allegato spingendolo a credere si tratti di una questione urgente. Affinché il malware faccia il suo lavoro, l’utente deve installare del software sul suo pc. Il malware può essere distribuito in diverse forme: virus, worm, bot, ransomware, password stealer, ecc. Va notato che se l’utente ha ricevuto una qualche formazione sulla sicurezza delle mail, la probabilità che possa essere vittima di questi attacchi diminuisce sensibilmente.



File con diverse estensioni


Come già detto, gli attacchi di phishing spesso comportano l’apertura di un allegato per l’installazione del malware. Sono molti i modi usati dai criminali per spingere gli utenti a compiere l’operazione. Uno è di allegare file con diverse estensioni per spingere l’utente a pensare che il tipo di file sia diverso da ciò che effettivamente è.

Qui i criminali usano un’estensione “PDF.zip” che dovrebbe mettere in allarme l’utente proprio perché si tratta di due diversi tipi di file. Tuttavia, è facile essere tratti in inganno perché si tratta di formati di file che la maggior parte delle persone trova familiari.



Link mascherati


Non tutte le minacce arrivano sotto forma di allegati. Anche i link devono sempre essere guardati con sospetto e questo esempio mostra perché.

Il link in sé non appare sospetto, ma in realtà punta a un URL completamente diverso. Link come questo possono essere usati non solo per diffondere malware ma anche per indirizzare gli utenti a siti costruiti dai criminali stessi per raccogliere credenziali o altre informazioni personali. Nel dubbio, è sempre meglio non cliccare subito sul link ma far passare il cursore sopra il link per verificare l’URL di destinazione.



Spear phishing


Mentre il phishing colpisce obiettivi di massa, lo spear phishing è studiato per colpire specificamente un singolo individuo tentando di stabilire un senso di fiducia con la vittima. I tentativi di spear phishing usano sempre tecniche di “travestimento” per convincere la vittima che il messaggio provenga da una persona reale. Perché sia efficace, lo spear phishing richiede un buon grado di conoscenza della vittima per aumentare la probabilità che l’utente faccia quanto viene richiesto. In questo esempio i criminali si sono presi la briga di registrare un dominio che contiene il nome di un’entità legittima.

I criminali vogliono che il messaggio appaia come proveniente da Netflix ma, se si osserva bene l’URL, si nota che Netflix è in effetti scritto in modo errato. Questa tecnica viene definita typosquatting e viene spesso usata per raggirare l’utente quando si vuole che clicchi su un link.

Questi esempi sono solo un piccolo campione delle molte varietà di inganni messi in pratica quotidianamente dai criminali, ma possono essere utili come base per la formazione degli utenti.


Cosa fare


La migliore difesa contro il phishing e lo spear phishing consiste nell’istruire gli utenti in modo che siano consapevoli delle minacce e delle tecniche usate dai criminali. 

L’approccio migliore resta comunque sempre quello basato su programmi di formazione e su simulazioni per aumentare la consapevolezza da parte degli utenti finali. Barracuda PhishLine aiuta le persone a riconoscere i piccoli indizi che permettono di identificare i tentativi di phishing utilizzando un duplice approccio. Una formazione online per fornire una conoscenza di base delle più recenti tecniche usate dai criminali e un tipo di formazione integrata nei processi di business, basata su simulazioni personalizzate che misurano e rafforzano i buoni comportamenti degli utenti. Un’imponente libreria di contenuti selezionati consente di ridurre i tempi, mentre le funzioni di reporting e analisi permettono di tenere traccia dei progressi.




Di seguito, alcuni consigli di Barracuda per evitare truffe come quelle precedentemente analizzate: 

  • Non cliccare su URL o allegati provenienti da mittenti sconosciuti. Talvolta anche mittenti che riteniamo sicuri possono in realtà essere criminali mascherati. In caso di dubbio, si può raggiungere il sito direttamente dal browser.
  • Maneggiare con cura. Allegati e email contenenti allegati dovrebbero essere sempre trattati con la massima attenzione poiché questo è il vettore con cui viene distribuito gran parte del malware: è sufficiente aprire un solo file per infettare all’istante il computer. Il formato degli allegati potrebbe rappresentare un indizio.
  • Mai fornire credenziali. Molti tentativi di rubare informazioni richiedono un login per accedere a qualche risorsa o documento. E’ sempre bene evitare di inserire credenziali in una pagina raggiunta tramite un link contenuto in una mail, indipendetemente dal fatto che la mail sia legittima o no. Se dovete fare login, andate direttamente al sito usando il browser.
  • Attenzione alla grammatica. I ‘money scam’ tipicamente si distinguono per contenere errori grammaticali e, in molti casi, le email sembrano scritte da qualcuno non di lingua madre. Ricordate: se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente non lo è.


Nessun commento